26.06.2013

Falchi nella torre del Castello

Falchi nella torre del Castello

Una sera di inizio giugno, Sandro, uno dei clienti più cari, mi chiama al suo tavolo, nella terrazza panoramica e dice: ”Guarda lassù.. sulla torre..” Alzo lo sguardo e trovo, in una finestrina cieca, una coppia di piccoli, splendidi falchi. Guardavano verso l’orizzonte, sicuramente affamati, in attesa della madre. “I falchi…mancavano solo i falchi qui al Castello di Diegaro” E’ stata la mia prima esclamazione e penso: fosse ancora qui, la mamma, sarebbe molto felice di questa visita.


Già questo monticino ospita tante varietà di uccelli, lo sa bene chi dorme nelle nostre stanze: al risveglio trova una melodia di cinguettii, melodia che ha il suono di cose belle. Così, oltre alle rondini, ai passerotti, ai corvi e alle coloratissime upupe, ora anche i falchi (il nome vero di questa specie - della famiglia dei falchi - è gheppio). Certo, il verso del falco non è dei più teneri: sembra un monito, quasi a voler mettere in chiaro chi comanda nel cielo, tuttavia vedere un falco adulto, volteggiare e dirigersi verso i propri piccoli per nutrirli è uno spettacolo emozionante.



Parte il passaparola al punto che Gianmaria Zanotti, fotografo del Corriere Romagna, giunge al castello con la sua macchina fotografica e la notizia va in prima pagina. Questi nostri ospiti pennuti sono ora dei VIP, così, un pomeriggio una famiglia intera, appassionati ornitologi, munita di teleobiettivo, viene a farci visita: padre e figlio attendono tutto un pomeriggio il ritorno degli adulti e scattano foto, così che questa emozione possa essere messa a disposizione anche di altri.


Ringraziamo Giorgio e Roberto Castellucci per il contributo fotografico

We use cookies on this website. By using this site, you agree that we may store and access cookies on your device. Find out more set your preferences here OK